Budapest

Dal 10 al 14 Novembre 2010
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI

FOTO DIVERTENTI


CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
BUDAPEST
Terme
Cibo e Musica
Altri piaceri
Budapest ebraica
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ALTRI
Un giorno la mia amica Maddalena, durante il nostro solito pranzo di mercoledì, ha detto: "Ho quattro giorni liberi. Trova i biglietti per Budapest." Queste frasi sono state pronunciate dopo un mio discorso che riguardava il viaggio che mio marito avrebbe dovuto fare a Budapest per i motivi di lavoro. Maddalena sta leggendo "Un'avventura a Budapest" di Ferenc Körmendi e lo farà ancora per un po' di tempo (482 pagine, la recensione del libro sarà sul sito, me lo ha promesso). Perché non andarci e vivere la nostra avventura? Il mese di novembre andava benissimo per tutte e due, i biglietti aerei costavano poco, albergo a 4 stelle in offerta e il tempo sarà come sarà. L'attesa di partire era lunga (da settembre) e il nostro spirito avventuriero ogni giorno cresceva di più. Finalmente la partenza, il 10 novembre, dal Bergamo con la Wizzair in orario perfetto. Un buon inizio nonostante la giornata grigia.

Siamo a Budapest e non vediamo l'ora di raggiungere il centro. Prendiamo il treno dal Terminal 1 che ci porta alla stazione Nyugati in 25 minuti. Siamo atterrate alle 14.15 e alle 15 eravamo già in centro con lo stomaco che brontolava. Dopo due passi sotto una leggera pioggerellina ci siamo fermate davanti al bar "Etterem" (dopo abbiamo capito che non era il nome del bar, ma diceva solo un bar perché in realtà si chiama Noa Grill Csirkéje) dall'aspetto invitante. Con un bicchiere di vino abbiamo brindato prima di chiedere il cameriere di chiamarci il taxi. Ci siamo sentite come Carri Bradshow e Samantha Jones, due amiche da "Sex and the City", con le valigie in mano aspettando il taxi davanti al bar.

Nyugati, una delle stazioni ferroviarie di Budapest

Attraversiamo la città con il taxista ungherese che sembrava uscito da una vecchia foto; maglione di lana fatto a mano, baffi bianchi, naturalmente anche i capelli. Il nostro albergo si trova a Buda, la sponda sinistra del Danubio. Passiamo il ponte delle Catene, ed eccoci al Hotel Victoria, un piccolo albergo su 6 piani e 30 camere con vista sul Danubio. La nostra è al terzo piano con una vetrata angolare e una vista stupenda; il palazzo del Parlamento tutto illuminato, il ponte Lanchid (delle catene). Pest davanti ai nostri occhi che brillavano come la città di sera. Velocemente abbiamo aperto i nostri bagagli per prendere i costumi da bagno e le ciabatte che ci servivano per le terme.

Vista su una sponda di Danubio prima della tempesta Facciata caratteristica degli edifici storici di Budapest

A questo punto devo svelarvi una parte del nostro piano; visitare le terme di Budapest che è l'unica città d'Europa con sorgenti termali (circa 100) e tanti bagni termali (22). Noi volevamo viverle, esplorarle e cercare quanto è rimasto ancora dei tempi passati.

Terme