Turchia

Dal 26 Giugno al 10 Luglio 2010
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI

FOTO DIVERTENTI


CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
Van
Dogubayazit
Kurdi
Ani e Kars
Erzurum
Trabzon
Hammam
Kayseri
Cappadocia
Konya
Istanbul
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ALTRI
Questo è il mio primo viaggio fai da te, cioè senza un'agenzia turistica che paghi e ti organizza tutto. Per intenderci meglio, non era proprio fatto da me, ma dagli amici che hanno già affrontato tanti viaggi di questo tipo e che mi hanno gentilmente invitato a farne parte. Abbiamo comprato i biglietti aerei di andata e ritorno da Milano ad Istanbul, prenotato l'albergo per le prime due notti nella capitale della Turchia e pagato anche l'aereo da Istanbul a Van, tutto ovviamente via Internet, con largo anticipo ed a prezzi convenienti. Tutto il resto dovevamo fare in loco, avendo così la maggiore flessibilità.

I partecipanti del viaggio in Turchia Per agevolare il viaggio che prevedeva tanti spostamenti, abbiamo optato per i soli bagagli a mano, per evitare le lunghe attese per recuperare gli stessi negli aeroporti e tenendo anche conto del fatto che le macchine a noleggio non sempre hanno un baule grande. Pertanto 10 kg a persona, una decina di T-shirts, un paio di pantaloni e le scarpe di scorta, inevitabile k-way e qualche altra cosina. Se ci mancherà qualcosa, si può comprare in Turchia.

Siamo partiti sabato, dall'aeroporto di Malpensa alle 11:00 con Turkish Airlines e dopo meno di 3 ore di volo eravamo ad Istanbul. Il nostro albergo era nella zona europea della città, a qualche centinaia di metri dalla Moschea Blu e dall'Aya Sofia, quest'ultima la più grande moschea del mondo.

Lunedì abbiamo preso l'aereo per Van, la città che si trova su un grandissimo ed omonimo lago. All'aeroporto abbiamo noleggiato la macchina che ci serviva per raggiungere le altre località nella zona nord-est di Turchia, che non sono comodamente raggiungibili con i mezzi pubblici e il viaggio vero e proprio è iniziato. Si tratta di un altopiano a circa 1600 m sul livello del mare abitato prevalentemente dai Kurdi turchi. Il nostro viaggio ci ha portato a Dogubayazit, una cittadina ai piedi del mitico Monte Ararat, Kars ed alla fine ad Erzerum, dove abbiamo lasciato l'auto per proseguire con un pullman verso Trabzon, la città situata sulla costa del Mar Nero. Qui ci siamo fermati per due notti prima di proseguire verso la seconda meta principale del nostro viaggio, la Cappadocia.

Una lunga trasferta di 12 ore in pullman per raggiungere la città di Kayseri, la capitale della regione. Qui di nuovo abbiamo preso la macchina e proseguito per Goreme che sarà la nostra base per due notti. Per conoscere ancora meglio questa meraviglia della natura, abbiamo fatto anche un bellissimo volo con la mongolfiera che ci ha permesso di goderci numerosissimi "camini delle fate" ai primi raggi del sole. Il terzo giorno ci siamo diretti a Konya, la culla dell'Ordine Sufico, fondato dal mistico Mevlana e la città dei Dervisci. Al ritorno a Kayseri abbiamo visitato Ihlara, il parco nazionale dove il fiume Melendiz ha scavato uno stupendo canyon.

Il giorno dopo abbiamo lasciato la macchina all'aeroporto e siamo tornati ad Istanbul, da dove il giorno successivo siamo ripartiti per Milano. Due belle settimane trascorse in Turchia, un bel paese che offre tanti punti d'interesse ed una popolazione molto ospitale, con gli amici, in un atmosfera rilassante ed amichevole, quasi senza incomprensioni: a volte è difficile mettersi d'accordo con se stessi, figuriamoci con le altre 4 persone. E' anche curioso il fatto che quest'anno in Italia è l'anno della Turchia che sarà caratterizzato con le numerose manifestazioni culturali e noi abbiamo già comprato un biglietto per lo spettacolo dei Dervisci a Milano, all'inizio di Settembre.

Le pagine che seguono sono il diario di viaggio di Bianca, tranne la pagina Kurdi che ho scritto io.

Van