Tenerife

Dal 15 al 22 maggio 2021
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI
FOTO DIVERTENTI
CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ISLANDA
GIAPPONE
EDIMBURGO
BARCELLONA
PROVENZA
ALBANIA e CORFÙ
INDIA
MOSCA
SARDEGNA bis
TENERIFE
PORTOGALLO
ALTRI
Non ho mai pensato di andare a Tenerife. Nella mia testa è un posto eccessivamente turistico con troppe persone: tutto quello che cerco di evitare durante i miei viaggi e le mie vacanze. Già durante il tragitto dall'aeroporto all'hotel, a una ventina di minuti di macchina, ho avuto conferma di quello che avevo immaginato. Alberghi, alberghi e ancora alberghi, tutti molto grandi. Alloggiavamo al Jardin Tropical Hotel, nel sud-ovest dell'isola. È una zona prettamente turistica; più turistica della parte nord perché non è ventosa. Non credo che ci siano molti edifici residenziali dove le persone vivono. Sarebbe un peccato utilizzare un'area del genere per qualcosa di diverso dal turismo, che porta soldi: oggi sembra essere l'unica cosa che interessa al genere umano. Allora, come e perché sono finita lì? Dopo più di un anno di isolamento parziale o completo dovuto al Covid, io e mio marito avevamo bisogno di sentire aria di libertà. Ci è stata tolta la libertà e quando ho sentito in tv la notizia che c'era tanta gente che andava alle Canarie per Pasqua ho realizzato che è possibile viaggiare. Andare all'estero è stato più sicuro e più semplice che spostarsi in Italia tra varie zone. Per Tenerife l'unica condizione era un tampone negativo e così abbiamo deciso di trascorrere lì una settimana. Il volo è durato quattro ore ed era diretto: siamo partiti da Milano.

In aereo sopra Tenerife Giardino tropicale del nostro omonimo albergo a Tenerife Nostro balcone nell'albergo Jardin Tropical Un cocktail accanto alla piscina dell'albergo

L'idea era quella di trascorrere la maggior parte del tempo in hotel, rilassandoci a bordo piscina e leggendo un buon libro, quindi ne abbiamo scelto uno un po' più confortevole che non ci ha deluso. L'hotel non è eccessivamente grande rispetto a quanto si può vedere in giro ed è in uno stile che ricorda l'architettura di Gaudí: la facciata è tutta arrotondata, senza angoli, con molto spazio aperto all'interno dell'edificio stesso. Al centro si trova un grande giardino tropicale, da cui prende il nome l'hotel, con una piscina in cui l'acqua viene riscaldata. Un po' più in basso, un'altra piscina con acqua di mare ma non riscaldata. Sotto c'è il mare, o più precisamente, l'oceano Atlantico. Avevamo una camera con vista in quella direzione, e dall'ampio balcone potevamo goderci il tramonto. Abbiamo trascorso quattro giorni oziando, nuotando in entrambe le piscine; il marito ha preferito piscina riscaldata e io quella con l'acqua di mare fredda. Chi mi conosce sa bene cos'è per me il mare. Sono donna di mare e sogno di tornare un giorno a casa. Per me dov'è c'è mare, c'è casa. Il primo giorni abbiamo girato per il "paese", se così posso chiamarlo, fino alla spiaggia più bella di quella parte dell'isola e abbiamo fatto il bagno. Playa del Duque, con sabbia bianca, definita sofisticata e con mare bello e freddo, direi sui 21 gradi: ci è piaciuta. Il nostro primo mare quest'anno, precisamente sarebbe l'oceano Atlantico. Durante il nostro soggiorno la temperatura dell'aria era di circa 25 gradi ed era estremamente confortevole. Si dice che l'eterna primavera regna nelle Isole Canarie.

Playa del Duque è una delle più belle dell'isola di Tenerife Panorama della Costa Adeje, la zona più turistica di Tenerife

C'è una cosa sull'isola che "deve" essere vista: il vulcano Teide, il terzo più alto del mondo. Occupa la parte centrale dell'isola. Questo era ciò che immaginavamo come un'attività fuori dall'albergo. È stato complicato realizzarla. Fino a 2250 m sul livello del mare, che è la base del vulcano stesso, c'è un'ottima strada ed è raggiungibile con ogni mezzo di trasporto. Da lì parte la funivia con cabina che sale a 3550 metri. Gli ultimi 168 metri, fino alla cima del vulcano a 3718 metri, conducono a un sentiero che deve essere percorso con le proprie forze: dicono che ci vuole circa mezz'ora. Il problema è che solo un centinaio di persone possono accedere alla vetta in un giorno. Il permesso è gratuito, ma bisogna richiederlo con un paio di mesi di anticipo e noi abbiamo optato per questo viaggio un mese prima. La soluzione è stata quella di arrivare in cima con una delle agenzie che dispone dei permessi aggiuntivi. Paghi molto di più, ma ti vengono a prendere in albergo, ti portano alla funivia e ti imbarcano lì, e alla fine della funivia c'è una guida che porta in cima. Abbiamo prenotato online per mercoledì. Martedì abbiamo ricevuto un messaggio che diceva che la visita è stata annullata.

Abbiamo deciso di organizzarci in un altro modo. Abbiamo acquistato, sempre per mercoledì e sempre online, due biglietti per la funivia e abbiamo prenotato un auto a noleggio per la stessa mattina. Andremo in macchina fino in cima, poi saliremo in funivia, senza arrivare in cima: è meglio di niente. Mercoledì mattina abbiamo ricevuto un messaggio che la funicolare era chiusa a causa del forte vento. Al piano di sotto, nel nostro hotel, è stata una giornata bellissima e completamente tranquilla.

La macchina l'avevamo già presa, quindi non ci restava altro che dirigerci verso la parte nord-orientale dell'isola. L'autostrada si estende attorno a tutta l'isola, ed è anche gratuita, quindi il tragitto è veloce e piacevole. Il prezzo basso della benzina invoglia un gran numero di visitatori a noleggiare un auto: costa 1 euro. Dopo circa mezz'ora ci siamo fermati nel piccolo paese La Candelaria (Candelora) e lì abbiamo visitato la Basilica della Vergine delle Canarie. È il luogo di culto più importante di tutte le Canarie; la Vergine è la loro protettrice. La nostra destinazione finale era la capitale dell'isola: Santa Cruz de Tenerife. Una bella città con circa 200 mila abitanti. Abbiamo esplorato le sue strade, i vicoli e gli edifici più importanti. Dopo circa tre ore abbiamo proseguito a nord per raggiungere una delle spiagge più belle, Las Teresitas. Li abbiamo fatto il bagno e abbiamo mangiato le sarde fritte. Il profumo del mare e il profumo di sarde fritte sono i miei profumi preferiti. Il vento era abbastanza forte da questa parte: si dice che questa sia una caratteristica della maggior parte delle Isole Canarie.

Basilica della Vergine delle Canarie a La Candelaria La Candelaria – monumenti ai famosi navigatori Santa Cruz de Tenerife è la capitale dell'isola Spiaggia Las Teresitas si trova al nordest dell'isola

Anche il giorno dopo avevamo a disposizione la nostra Fiat Panda e questa volta ci siamo diretti verso la parte nord-occidentale dell'isola. Abbiamo controllato le condizioni della funicolare prima, ma anche quel giorno era chiusa. E quel giorno il vento era piuttosto forte. Abbiamo concluso che la parte più protetta dell'isola è la zona in cui si trova il nostro hotel e che è questo il motivo per cui la stragrande maggioranza delle strutture turistiche si trova in quella zona. Da questo lato, verso l'estrema parte settentrionale dell'isola, l'area è montuosa. Per raggiungere la nostra destinazione, un piccolo paese chiamato Masca, molto pittoresco, abbiamo attraversato un valico situato a oltre mille metri sul livello del mare, a pochi chilometri dall'oceano. Una stretta strada di montagna con infinite serpentine conduce al luogo. Dopo una breve passeggiata nel paese, godendoci la vista attraverso la gola verso il mare, abbiamo deciso di andare alla base del vulcano.

Sembravamo destinati a non scalarlo, quindi abbiamo deciso di vederlo almeno dal vicino. L'intera area intorno al vulcano è un parco nazionale e non appena ci si entra, gli occhi iniziano a godere. Rocce vulcaniche, materiale di lava depositato e ricca vegetazione completano l'esperienza. La vista del vulcano dalla sua fmbase ha rafforzato il nostro desiderio di avvicinarci almeno alla cima, ma abbiamo quasi perso la speranza. Al ritorno ci siamo fermati a Los Gigantes, l'incantevole città marittima circondata da impressionanti picchi rocciosi. In ricerca della spiaggia dove fare il bagno, abbiamo scoperto la piscina naturale. Una parte del mare che si versa dentro un buco fatto di rocce vulcaniche ha creato questa piscina. È stata un godimento stare dentro l'acqua calda dell'oceano.

In montagna con la nostra Panda Vista su una delle isole delle Canarie Famosi picchi rocciosi di Los Gigantes A Los Gigantes c'è una piscina naturale con l'acqua dell'oceano

La mattina dopo abbiamo scoperto che la funicolare era ancora chiusa. Abbiamo trascorso la giornata in piscina. Ho finito il libro che stavo leggendo. Per l'ultimo giorno non avevamo nessun programma, ma un'idea si. Siccome il nostro volo di ritorno era alle 18:30, avevamo tanto tempo a disposizione. Abbiamo deciso che se la funivia fosse stata aperta, avremmo cercato di esaudire il nostro desiderio che continuava a tormentarci. Sabato mattina è avvenuto un miracolo: la funicolare era finalmente aperta. Abbiamo subito prenotato online: siamo riusciti a trovare 2 posti liberi alle 13:40. Abbiamo noleggiato un'auto, a condizione che potessimo lasciarla all'aeroporto. Questo ci ha fatto risparmiare un po' di tempo e ci ha dato un ulteriore margine per il ritorno. Ci siamo imbarcati nella cabina e poco prima delle 14 siamo arrivati sotto la cima del vulcano, a 3550 m. La regola è che si può rimanere per massimo un'ora. Sono disponibili tre sentieri, uno dei quali porta in cima ed è controllato: è necessario avere un permesso. Dei restanti due a nostra disposizione, abbiamo scelto quello un po' più lungo; in verità lo scelto io. La signora che controllava i biglietti per funivia, mi ha detto che il sentiero più lungo è più difficile e anche più bello e poi ha aggiunto: è come nella vita. Per fortuna non è stato molto faticoso, dico per fortuna, perché mio marito non è stato entusiasta dalla mia scelta. La visibilità non era esattamente delle migliori; le nuvole continuavano ad arrivare e ad andare, quindi la vista cambiava quasi ogni minuto. Da qui abbiamo visto il cratere Pico Viejo, che dista solo pochi chilometri da Teide: è praticamente un unico vulcano con diversi crateri.

Noi due alla base di vulcano Teide La vetta di vulcano Teide Un selfie sotto vulcano non poteva mancare Nel parco nazionale Teide la vegetazione vulcanica è molto bella

Soddisfatti dell'obiettivo raggiunto, siamo arrivati in aeroporto in orario e siamo atterrati a Milano verso mezzanotte. Dopo un anno di vita stazionaria, finalmente un po' di aria fresca. Volare verso una meta sconosciuta è la sensazione che ogni viaggiatore ama. Il sogno di mio suocero era visitare Tenerife e scalare il vulcano. È un ingegnere minerario e la geologia è nel suo sangue. Abbiamo realizzato il suo sogno e questo ci ha resi felici.

Ho festeggiato il mio compleanno la notte dell'arrivo a casa con due spaghetti alle ore due di mattina. Non abbiamo aperto lo spumante perché il vino rosso andava meglio con il piatto. Mia figlia, quando ha saputo che andavamo a Tenerife, mi ha detto: "Devo ammettere che festeggi sempre i compleanni in grande stile!"

TENERIFE