Sudafrica

dal 18 Giugno al 2 Luglio 2011
SpaziOso
BARZELLETTE
LIBRI
VIDEO MUSICA
FOTO DIGITALI

FOTO DIVERTENTI


CURIOSITA'
POKER
RICETTE
SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
Johannesburg
Soweto
Blyde River Canyon
Kruger
Night drive
Passeggiata
Safari
Video safari
Maputo
Swaziland
Cape Town
Buona Speranza
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA
NEW YORK
MAROCCO
COPENAGHEN
SAN PIETROBURGO
ALBANIA
SANTORINI
RIGA
ZANZIBAR
ALTRI

Five Italian people in esplorazione del Sudafrica e dintorni. Il gruppo che l'anno scorso ha visitato la Turchia quest'anno ha scelto una meta più impegnativa, almeno considerando la lontananza: il Sudafrica. In un primo momento si è deciso di rimanere nella parte nord-est del paese, includendo anche una visita a Mozambico e Swaziland, ma dopo ci siamo allargati un po' includendo anche un volo interno per ammirare la Città del Capo. L'operazione ha avuto il via con l'acquisto dei biglietti aerei per Johannesburg via Addis Abeba. La compagnia aerea Ethiopian Airlines ha introdotto da poco il volo che parte da Malpensa ed anche il prezzo era un po' più basso rispetto alle altre compagnie, attorno a 540 euro a persona, andata e ritorno. Alla fine la cosa si è un po' complicata perché all'andata ci hanno mandato con l'Alitalia a Roma, da dove siamo partiti per Addis Abeba, ma il ritorno è andato come era previsto, cioè siamo atterrati a Milano.

Tramite questo fantastico mezzo informatico che si chiama Internet abbiamo prenotato anche 3 notti nel parco naturale di Kruger, due notti (che alla fine abbiamo prolungato in quattro), in un ostello di Cape Town ed anche il volo interno tra Johannesburg e Cape Town, sempre andata e ritorno. Quest'ultimo 150 euro a testa, che è un low-cost della compagnia sudafricana 1Time, più per il trattamento dei viaggiatori, tutto, bevande e cibo sono a pagamento, che per il prezzo. Per il resto ci arrangeremo là, improvvisando, seguendo l'intuito e sperando nella buona fortuna delle scelte che si faranno. E tutto sommato la fortuna ci ha assistito.

Siamo abituati a viaggiare con i bagagli a mano per la praticità. Visto che siamo in 5 si pone il problema dello spazio del baule della macchina che si noleggerà. Inoltre avendo lo zaino o la valigia con sè, nella cabina dell'aereo, non si rischia di non trovarlo arrivando alla destinazione. E questo rischio c'è ed aumenta se si deve fare uno scalo come dovevamo fare noi. E così questa volta dovevamo limitarci alle cose veramente necessarie tenendo conto che in quella parte del mondo stava per iniziare l'inverno, d'accordo subtropicale, ma con le temperature che di notte si avvicinano anche allo zero. Di giorno le T-shirt, e per la mattina e la sera dei maglioni e le giacche. Sempre parlando del clima, la cosa buona è che in questo periodo si corre poco il rischio di prendere la malaria in quanto le zanzare sono quasi inesistenti. Soltanto uno dei componenti del gruppo ha preso la profilassi antimalarica, ma per essere pronti ad affrontare il problema, che non si è presentato, ci siamo portati dietro qualche repellente.

E alla fine come è andata? Direi piuttosto bene. Non abbiamo incontrato particolari problemi durante il viaggio. Gli alloggi che abbiamo scelto, o quelli che ci capitavano perché c'era poco da scegliere, sono stati tutti molto decenti e puliti. Anche il tempo era tutto sommato clemente con noi: nel nord abbiamo avuto anche le giornate estive con 30 gradi durante il giorno. Ci siamo presi anche qualche acquazzone in Cape Town che era da aspettarsi, visto il periodo dell'anno. E la cosa più importante, abbiamo visto tanto, la bellissima natura incontaminata, tanti animali nel loro habitat naturale, le città interessanti e posti storici, come per l'esempio il Capo di Buona Speranza.

Nelle pagine che seguono troverai i racconti, le fotografie ed i video file dell'avventura di Five Italian People in Sudafrica.

Johannesburg