Correndo con le forbici in mano

di Augusten Burroughs

SpaziOso

BARZELLETTE

LIBRI
Guida galattica
La pelle fredda
L'eleganza del riccio
Custode di mia sorella
Lontano da Cuba
Correndo con forbici
Ero dietro di te
Maestro e margherita
Ozio come stile di vita
Pastorale Americana
Ali Banana e la guerra
Ogni cosa è illuminata
Uomini odiano donne
Ragazza che giocava
La regina dei castelli
Castelli di rabbia
Hanno tutti ragione
Zia Mame
Quattro casalinghe
Contro l'amore
La danza delle realtà
Vari libri

VIDEO MUSICA

FOTO DIGITALI
FOTO DIVERTENTI

CURIOSITA'

POKER

RICETTE

GOSSIP

SARDEGNA
ZAGABRIA
BELGRADO
SARAGOZZA
LAGHI ALPINI
MADRID
BERNINA EXPRESS
TURCHIA
BUDAPEST
BOAVISTA
AMSTERDAM
SUDAFRICA
NAPOLI E DINTORNI
ISOLA DI MAFIA
VALENCIA
COSTA AZZURRA
ORTONA
NAMIBIA
OMAN e DUBAI
TIBET e CINA
ISOLE EOLIE
PRAGA
CAMBOGIA
SIVIGLIA
CRACOVIA

ALTRI


Titolo dell'originale: Running with Scissors, 2007
Letto nel settembre 2009

Il libro è stato scritto da Augusten Burroughs, scrittore americano nato nel 1965. La sua infanzia è stata davvero interessante, bizzarra. Una madre egocentrica e psicologicamente instabile, un padre assente e alcolizzato che sogna di vivere vicino ad una discarica. Questi sono solo alcuni degli elementi della vita di Augusten che si complica ulteriormente in seguito al divorzio dei genitori. La madre, aspirante poetessa, dopo aver vissuto per un po' con il figlio decide di mandarlo a vivere con il suo psicologo, il dottor Finch. Il dottor Finch non è certo un personaggio comune, ha l'aspetto di Babbo Natale, possiede un "masturbatorium" nel suo studio, per predire il futuro usa la cacca messa a essiccare e vive in una casa dove regna il caos, disordine, sporcizia ed una completa assenza di regole.

Il resto della sua famiglia non è da meno, sue figlie prendono le decisioni facendo la "pesca alla Bibbia" e sua moglie Agnes mangia cibo da cani. All'età di tredici anni, Augusten instaura una relazione con il figlio adottivo di Finch, Neil. L'inizio della loro relazione è praticamente una violenza in cui Augusten viene costretto al sesso orale, quasi soffocato. In seguito il rapporto entra in una fase diversa, emotiva (ma dove le difficoltà non mancano) ed il tutto alla luce del giorno nonostante la grande differenza d'età, i tredici di Augusten "contro" i trentatré di Neil.

Questi sono solo alcuni degli aneddoti che vengono raccontati da Burroughs nel suo romanzo autobiografico e ritengo che vale assolutamente la pena acquistare il libro per scoprire altri episodi surreali e perché no, farsi una risata! Ma se ci si ferma un attimo a riflettere, da ridere c'è ben poco in quanto si tratta di situazioni realmente vissute da un adolescente. La domanda che nasce spontanea è come ci si può salvare da un tale caos? E la risposta sembra essere una sola, ironizzando. Correndo con le forbici è anche un libro che ci parla della faticosa ricerca di sé stessi, di un'identità e di un equilibrio dove Augusten ci mostra una ammirevole capacità di adattamento agli eventi, un grande senso dell'umorismo, leggerezza, accettazione e fiducia nel futuro. La lettura di questo libro è paragonabile ad un incidente stradale, sai perfettamente che non dovresti stare lì a guardare come un cretino ma non puoi farne a meno!

Dopo la pubblicazione del libro avvenuta nel 2002 ed in seguito ai due anni che ha trascorso in vetta alle classifiche del New York Times, Augusten Burroughs è entrato a fare parte di una classifica americana sui personaggi più divertenti degli Stati Uniti. In base al libro è stato girato nel 2006 anche il film. Ritengo che la lettura sia molto più valida del film che ho trovato confusionario e privo di aneddoti essenziali per la comprensione della storia. Non ho trovato un filo conduttore nel film, un'armonia degli eventi e non si capisce se lo scopo del regista, Ryan Murphy, è quello di fare un film comico oppure un documentario. Probabilmente nella indecisione di scegliere tra i due ha optato per un mix malfatto.

Ero dietro di te